PsicoMamme.it

0

Come affrontare i capricci dei bambini?

Flavia Cavalero febbraio 18, 2014

Cosa sono i capricci? Cosa c’è dietro? Come comportarsi?
Ecco alcuni consigli utili per guardare la luna e non il dito 🙂

L’etimologia della parola rimanda alle capre (CAPR- ICCI) che sgambettano e scornano a destra e a manca proprio come fanno i bambini quando si impuntano su qualche cosa e parte il capriccio più disperato.

Umberto Galimberti nel suo dizionario di psicologia li definisce come

la manifestazione improvvisa e incontrollata di rabbia e aggressività, generalmente impotente, adottata come risposta ad una frustrazione

e ci offre una prima chiave di lettura. Può sembrare un accostamento strano, le parole bambino e aggressività sembrano inaccostabili, nel nostro immaginario il bambino è un essere immacolato e facciamo fatica a pensarlo già fornito di tutte le emozioni, comprese quelle che tendiamo a catalogare come negative.

Da dove arriva questa rabbia? Dalla confusione, il nostro piccolo inizia il suo percorso di distacco da chi lo accudisce, va e viene, va verso l’ambiente pieno di stimoli che lo incuriosiscono e viene verso di noi, nel suo porto sicuro. Questo via vai lo confonde, lo rende indeciso, ed è in questa confusione che può nascere il capriccio. Siamo allora noi che dobbiamo renderlo sicuro e siamo sempre noi che dobbiamo insegnargli a sopportare la frustrazione.

Il capriccio è un fenomeno che sta dentro una relazione. Un bambino da solo non fa i capricci, li fa per e verso qualcuno. Il capriccio ha una direzione, sempre.

E’ una richiesta di attenzione, un modo per dire qualcosa che è sempre qualcosa altro da quello che appare: il bambino che strilla al mercato perché vuole un giocattolo probabilmente ci sta segnalando che non è a suo agio in quel luogo, in quel momento, in quel modo. Non è sempre facile mantenere la calma perché ha la capacità di farci rispondere sullo stesso suo piano, quel pianto, quegli strilli ci innervosiscono e rischiamo di… fare i capricci anche noi. Strillando più o meno allo stesso modo.

Chiediamoci invece quale possa essere la molla: può essere stanco, annoiato, insoddisfatto, spesso perché si trova in luoghi, situazioni, compagnie, giochi non adatti a lui.

Se interpretiamo il capriccio per quello che realmente è, ossia l’espressione di un bisogno di RASSICURAZIONE, il bisogno di un segno concreto di amore per il bambino, allora diventa più facile affrontarlo.

Quando il bambino sembra essere ingestibile, i capricci sono insistenti e sembrano la sua via principale di espressione, non sono più occasionali ma costanti, allora dopo esserci accertati che il bambino non abbia problemi di salute, dobbiamo chiederci, se c’è qualcosa che non va nel menage familiare. E’ evidente che se lui assiste a liti, se vive in un clima familiare difficile, ne porta le conseguenze e ce lo dimostra.

Non esiste un “libretto di istruzioni” che ci insegni a gestire il processo educativo, ci sono alcuni suggerimenti che in genere funzionano, ma rimane fondamentale capire da dove arriva il segnale.

TRADUZIONE DEI CAPRICCI

  • Sto misurando il mio potere su di te: ti sto mettendo alla prova e devo capire fino a che punto posso arrivare. Non voglio dipendere del tutto da te, ma non voglio nemmeno essere più forte di te.
  • Ho bisogno di sapere che posso fidarmi di te: devo capire se tu sei in grado di darmi dei confini che siano adeguati a contenere le mie paure e che allo stesso tempo mi permettano di esplorare l’ambiente
  • Ho bisogno di sapere che tu mi vuoi bene: voglio controllare se sono al centro de tuoi pensieri, se mi vuoi bene in modo incondizionato
  • Ti/Vi sto mettendo alla prova: voglio capire se quando dici NO fai sul serio o se posso infrangere le regole e se in casa siete tutti d’accordo o se qualcuno è più debole
  • Rivendico la mia autonomia: è vero che sono piccolo ma se non posso fare proprio niente allora non crescerò mai

Ecco un incontro  che può rivelarsi molto utile!
Scrivici se ti interessa partecipare. Ti daremo tutte le informazioni 🙂
Corso per affrontare i capricci

 

Articolo di Flavia Cavalero

 

 

 

The following two tabs change content below.

Flavia Cavalero

Psicologa psicoterapeuta torinese, scrive articoli specialistici e approfondimenti su sogni, psicoterapia e dintorni. Si occupa di psicologia dell'abbigliamento e disturbi dell'apprendimento. Collabora a progetti internazionali legati al tema del consumerismo.

Flavia Cavalero

Ultimi post di Flavia Cavalero (vedi tutti)

Archiviato in:

Lascia un Commento

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!