PsicoMamme.it

0

Cos’è l’amore: l’intervento di Flavia Cavalero al convegno Donne al bivio

Elena Bottari dicembre 2, 2013

Come affrontare la fine di un amore? Ma ancora prima, a cosa ci riferiamo quando usiamo la parola amore? Ce ne ha parlato Flavia Cavalero, psicologa psicoterapeuta, al convegno Donne al bivio.
Sia che il sentimento sia morto di morte violenta, per negligenza o per procurato arresto da parte di entrambi o di uno dei due partner, ci si ritrova a fare i conti con il “vuoto di senso“, i sensi di colpa e una certa confusione mentale.

Tra l’idea di un amore che finisce e l’amore che finisce davvero, c’è un certo scarto che spesso porta ad una sensazione di sperdimento. La parte razionale di noi riesce a comprendere ciò che forse il nostro lato emotivo rifiuta.

Ecco cosa ci ha detto Flavia sul significato della parola amore, sul mito e su alcune teorie psicologiche illuminanti.

Alcuni tipi di amore:

  • Agape è l’amore incondizionato
  • Eros è l’amore dal punti di vista sessuale
  • Anteros è l’amore corrisposto

Ci sono molte sfumature in ballo, quando si parla di amore 🙂
Ecco alcune posizioni di eminenti psicologi:
Stemberg ha immaginato di avere a che fare con un tringolo i cui vertici sono costituita da passione, intimità e impegno. Se tutti e tre sono assenti non c’è amore, se ci sono tutti siamo di fronte all’amore completo.
Diverse quantità degli ingredienti, danno diverse sfumature di amore. Il cuore, simbolo dell’amore, è, forse non a caso, un triangolo rovesciato.

Volpi ha parlato di attaccamento, anche ai modelli che ci sono stati funzionali fin dall’infanzia. Ci innamoriamo delle persone con cui riproduciamo tipi di attaccamento. Ma ci si può anche staccare da questi modelli.

L’arte ci parla di amore in maniera più completa. Di fronte ad un’opera d’arte si attivano canali percettivi, non razionali, che ce lo fanno “sentire”. I miti e gli archetipi ci aiutano a capire ancora meglio. Cupido e Psiche sono un emblema dell’unione di due elementi spesso opposti, amore e razonalità, da cui, secondo la mitologia, nasce Voluttà.

Articolo di Flavia Cavalero

 

 

 

The following two tabs change content below.

Elena Bottari

Fondatrice di Psicomamme.it e giornalista pubblicista, mi interesso di psicologia e temi sociali. La creatività e le storie sono la mia passione. Mi piace scrivere di progetti interessanti che spaziano dall'editoria al teatro. Dopo la laurea in lingue e un master in comunicazione e tecnologie multimediali del Corep, ho lavorato dieci anni in un ufficio stampa. Ho due figli, troppi computer e una dolce metà alacremente impegnata a curare i siti della concorrenza.

Elena Bottari

Ultimi post di Elena Bottari (vedi tutti)

Archiviato in:

Lascia un Commento

Scelti da Psicomamme

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!