PsicoMamme.it

0

Due cornici dal triplo utilizzo: portafotografie, specchio o sottopentola? Decidi tu

Elena Bottari aprile 29, 2014

Hai voglia di creare? Hai voglia di sporcarti le mani? Se ti piace la terra rossa e non temi un giretto al forno del ceramista più vicino, ecco un’ideuzza carina per persone con la testa tra le nuvole o… direttamente nello spazio: due cornici (una nuvola e un alieno stilizzato) da usare come:

  • specchio
  • portafoto
  • sottopentola

Le forme sono sagomate in modo da non tagliare e da resistere al peso delle pentole. Sono realizzate prevedendo lo spazio per:

  • un vetro per protteggere eventuali fotografie
  • uno specchio nel caso preferissi questo destino e volessi specchiarti nelle nuvole o vedere che faccia hai con le antenne
  • e per un cartoncino o un altro materiale da fissare con la colla, in modo da fermare ulteriormente gli elementi inseriti.

Come si realizzano queste cornici? Ecco le istruzioni:

  • togliere anelli o oggetti metallici che potrebbero subire dei danni dalla creta fresca
  • indossare un grembiule o una maglietta sacrificabile
  • su una tovaglietta plastificata o un foglio antiaderente per forno fare una bella pizza di pasta, più piatta possibile
  • ritagliare la sagoma che preferisci con un coltello o con gli appositi attrezzi (si trovano facilmente, anche in cartoleria)
  • con lo stesso attrezzo o con un coltello particolarmente affilato ricavare il vano porta fotografie incidendo la creta prima verticalmente, poi orizzontalmente
  • aggiustare eventali errori levigando e arrotondando con i polpastrelli
  • lasciare asciugare

Se non riesci a ultimare il lavoro in un’unica sessione, ricopri la tua opera con un panno umido, così non si seccherà 🙂

cornice-nuvola

Una volta cotta, la forma è pronta per gli utilizzi che preferisci. Se vuoi usarle come sottopentola, basta che tu incolli dei pezzetti di legno sul retro, in modo da isolare e distanziare la parte in creta dalla tua tavola.
Se vuoi usarla come cornice da specchio dovrai procurarti una superficie specchiante della forma giusta da incollare molto bene al retro.
Se invece ti piacciono di più le cornici portafoto sarà necessario procurarsi un vetro sagomato che stia nel “doppio fondo” ricavato con il coltello affilato.

Puoi lasciare la superficie così oppure colorarla con le tempere. Se ami le avventure estreme, puoi provare a smaltare le cornici e a colorarle con gli ossidi (che non sono però assolutamente indicati per i bambini e non si trovano facilmente nei negozi).

Se invece la creta ti sembra troppo impegnativa, perché non dai un’occhiata a queste altre idee per portafotografie di recupero e low cost?

The following two tabs change content below.

Elena Bottari

Fondatrice di Psicomamme.it e giornalista pubblicista, mi interesso di psicologia e temi sociali. La creatività e le storie sono la mia passione. Mi piace scrivere di progetti interessanti che spaziano dall'editoria al teatro. Dopo la laurea in lingue e un master in comunicazione e tecnologie multimediali del Corep, ho lavorato dieci anni in un ufficio stampa. Ho due figli, troppi computer e una dolce metà alacremente impegnata a curare i siti della concorrenza.

Elena Bottari

Ultimi post di Elena Bottari (vedi tutti)

Archiviato in:

Lascia un Commento

Scelti da Psicomamme

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!