PsicoMamme.it

0

Cos’è lo psicodramma?

Flavia Cavalero febbraio 17, 2014

Cos’è lo psicodramma? Si parla spesso di psicodramma un po’ a sproposito, come di qualcosa di simile ad un incubo o ad un’esperienza particolarmente stressante. Cosa davvero poi sia, non ci è così chiaro.
Abbiamo intervistato Francesca Latella, psicodrammatista, per porle qualche domanda chiarificatrice e per indagare questo metodo, cugino del teatro.

Lo psicodramma è infatti una tecnica che si avvicina molto alle scene teatrali (psyco-drama significa teatro della mente). Si tratta di uno strumento strutturata da Moreno e poi resa “analitica” da Jung. Scene cruciali del passato dei partecipanti vengono rivissute e attualizzate. C’è un protagonista e ci sono dei “comprimari” che rendono possibile questa sorta di macchina del tempo.
Il protagonista può assumere anche il ruolo degli attori secondari, avendo così l’opportunità di cambiare punto di vista e di raggiungere una visione più ampia dell’accaduto.

Il conduttore (psicoterapeuta) decide, a seconda del trasporto emotivo dei pazienti e in base a giochi sociometrici,  chi debba mettere in scena la propria emozione. Egli farà in modo che la persona scelga altri soggetti a cui verranno dati dei ruoli e si recita insieme, entrando nei panni dei vari personaggi.

Il protagonista dà le battute, in modo da rivivere le emozioni vissute in passato. I neuroni specchio sono la chiave di questa magia. I neuroni rivivono esattamente l’esperienza e il soggetto può ristrutturare le emozioni, sentendo restituito il punto di vista differente e riuscendo così ad ampliare la propria visione del ricordo.

E’ un’esperienza molto emozionante e i gruppi terapeutici vanno ben selezionati per poter sortire un effetto benefico. Bisogna che i partecipati entrino bene in sintonia uno con l’altro. Occorre inoltre evitare che possano emergere fratture o traumi derivanti dalli diversi caratteri o dalle diverse esperienze di ciascuno.

Lo psicodramma mette a nudo l’emozione che si vive attraverso il corpo, non solo come esperienza mentale. E’ una tecnica da sperimentare per capire davvero le sinergie che i componenti del gruppo possono far emergere. Ogni gruppo porta a sviluppare scene e tematiche differenti. L’inconscio gruppale si manifesta nello psicodramma che è capace di far emergere anche le nostre ombre, permettendoci di analizzarle davvero.

Articolo di Flavia Cavalero

The following two tabs change content below.

Flavia Cavalero

Psicologa psicoterapeuta torinese, scrive articoli specialistici e approfondimenti su sogni, psicoterapia e dintorni. Si occupa di psicologia dell'abbigliamento e disturbi dell'apprendimento. Collabora a progetti internazionali legati al tema del consumerismo.

Flavia Cavalero

Ultimi post di Flavia Cavalero (vedi tutti)

Lascia un Commento

Scelti da Psicomamme

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!