PsicoMamme.it

0

Costruire una statuetta in fimo con Paula Dias

Elena Bottari dicembre 20, 2015

Paula Dias è una pittrice ma non disdegna la scultura. Le abbiamo chiesto di realizzare una statuetta di fimo per Psicomamme.it, un piccolo mostro tenero di quelli che piacciono anche ai bambini piccoli. La stauetta è alta otto centimetri circa. Per costruirla ci sono voluti due panetti di fimo e semplici attrezzi. Dovrebbe essere una specie di drago-bruco o un brucaliffo. Ha uno sguardo dolce da camaleonte un po’ spaesato. Diventerà certamente una farfalla drago 🙂

Materiale per costruire una statuina di fimo:

  • taglierino
  • punteruolo
  • piano di lavoro pulito
  • stecchini o altri strumenti per modellare
  • carta da forno
  • un forno

necessario-modellare-fimo
Si procede costruendo due palline per il corpo, una pallina a goccia per la testa e dando forma a tutte le piccole parti che servono a comporre le orecchie, gli occhi, le braccia, le punte sui lati e i piedi.

Per incollare due parti tra di loro si fanno dei puntini con il punteruolo su entrambi i pezzi che vengono uniti con una pressione sufficiente a far aderire le parti senza deformare il resto.
paula-dias-modella-scultura-fimo

Con il punteruolo si fanno i buchi degli occhi, i segni delle dita e si sottolinea il centro delle orecchie. E’ inoltre possibile creare textures e decorazioni in rilievo.

Statuetta di fimo di Paula Dias finita

Il fimo si cuoce per mezz’ora a 110 nel forno tradizionale avendo dura di rivestire la teglia con carta da forno. Mettiamo il brucaliffo di Paula a cuocere con un po’ di sgorbietti fatti da noi.

Statuine di fimo su carta da forno

Una volta cotti, i mostrini sono definitivamente solidi e possono essere usati per creare stampi a pozzo in gomma siliconica. Così sarà possibile clonarli e creare dei sosia in sostanze più resistenti, più adatte al gioco sfrenato dei bambini.

Se ti interessa approfondire le attività creative, leggi anche

The following two tabs change content below.

Elena Bottari

Fondatrice di Psicomamme.it e giornalista pubblicista, mi interesso di psicologia e temi sociali. La creatività e le storie sono la mia passione. Mi piace scrivere di progetti interessanti che spaziano dall'editoria al teatro. Dopo la laurea in lingue e un master in comunicazione e tecnologie multimediali del Corep, ho lavorato dieci anni in un ufficio stampa. Ho due figli, troppi computer e una dolce metà alacremente impegnata a curare i siti della concorrenza.

Lascia un Commento

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!