PsicoMamme.it

0

Crea il tuo planetario portatile

Elena Bottari aprile 2, 2017
In gelateria abbiamo scelto una coppa di fragole, crema e nocciola da asporto e ci hanno dato una confezione superlusso con cupola trasparente. Buttarla sarebbe stato un mezzo delitto! Ecco quindi trasformato il coperchio con oblò in planetario in miniatura. La cupola trasparente, opportunamente decorata, è perfetta per piccole proiezioni domestiche prima di dormire.

Come realizzare il planetario portatile

Con l’aiuto di un pennarello indelebile nero abbiamo disegnato delle forme da proiettare e successivamente colorato lo spazio profondo tutto nero. Stelle, pianeti, razzi spaziali e lune sono ottimi soggetti da illuminare con la torcia. Un po’ di nastro adesivo per assicurare la cupola alla torcia può semplificare molto il gioco. I bambini sperimenteranno:

  • la diversa messa a fuoco a seconda della vicinanza del muro su cui proiettare l’immagine
  • la resa delle forme realizzate “in negativo”
  • le potenzialità narrative racchiuse in ogni proiettore (inventare delle storie è un passo naturale)

Abbiamo dorato alcune forme con il pennarello indelebile d’oro ma il risultato non è all’altezza delle aspettative. Meglio lasciare le forme trasparenti! Sarebbe opportuno usare due pennarelli indelebili neri, uno a punta fine per disegnare le stelle, uno a punta media per colorare lo sfondo.

Questo piccolo esperimento si basa sul concetto di negativo e positivo che abbiamo già affrontato con le indicazioni per clonare una statuetta con stampo siliconico e resina. Per assicurare una buona resa del proiettore, è necessario ripassare il nero dello spazio almeno due volte o stendere col pennarello uno sfondo fuori e uno sfondo dentro la cupola.

Se il firmamento non è la tua passione, puoi disegnare altri soggetti o usare un maggior numero di colori. Con questo stesso procedimento, puoi sperimentare anche il teatro delle ombre.

Scopri altri esperimenti

The following two tabs change content below.

Elena Bottari

Fondatrice di Psicomamme.it e giornalista pubblicista, mi interesso di psicologia e temi sociali. La creatività e le storie sono la mia passione. Mi piace scrivere di progetti interessanti che spaziano dall'editoria al teatro. Dopo la laurea in lingue e un master in comunicazione e tecnologie multimediali del Corep, ho lavorato dieci anni in un ufficio stampa. Ho due figli, troppi computer e una dolce metà alacremente impegnata a curare i siti della concorrenza.

Elena Bottari

Ultimi post di Elena Bottari (vedi tutti)

Archiviato in:

Lascia un Commento

Scelti da Psicomamme

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!