Breve storia del mondo Gombrich

Ernst H. Gombrich, Breve storia del mondo

Tutti i c’era una volta della storia dell’umanità sono narrati nella Breve storia del mondo di Ernst Gombrich con uguale attenzione ad ogni cultura e con utilissimi richiami tra i capitoli che aiutano a costruire la mappa mentale delle civiltà e a farsi un’idea chiara di come si siano sviluppate le une rispetto alle altre. L’autore fornisce poche date, facili da ricordare e fondamentali, accompagna i lettori attraverso le epoche senza pedanteria ma con uno stile vivace e chiarisce i motivi della fioritura o della caduta degli imperi, le tragedie dell’uomo sull’uomo come la conquista spagnola nelle Americhe o l’olocausto. Per dirla alla Safran Foer, tutto è illuminato, anche i meccanismi psicologici di massa e le tecniche della propaganda.

Ernst Gombrich è un mito della divulgazione, nato nell’ormai lontano 1909. Ha vissuto ben due guerre mondiali ed è stato un grande storico dell’arte ma è la sua Breve storia del mondo che lo ha fatto conoscere al grande pubblico. L’autore parla di civiltà e di potere, illustra come questo si protegga sempre e di come un potere autoritario riconosca l’obbedienza come unica virtù, la mancanza di fedeltà al capo come solo crimine.

Anche i bambini devono crescere, e così è necessario che imparino dalla storia come la sobillazione e l’intolleranza possano trasformare facilmente gli esseri umani in esseri inumani.

Grazie a questa preziosa enciclopedia storica possiamo capire le ragioni della grande differenza tra Atene e Sparta analizzando la composizione sociale, la collocazione geografica e le attività di ogni città e possiamo capire perché il mikado, famiglia nobile che sorvegliava l’imperatore giapponese, fosse molto simile agli avi di Carlo Magno che controllavano  i re merovingi.

Con bellissime metafore poetiche – la storia come un infinito gioco di specchi, il lavoro dello storico come colui che illumina un pozzo profondo facendoci cadere dentro fogli incendiati, il Medioevo come notte stellata- Gombrich condensa senza banalizzarle le vicende di civiltà lontane che si sono intrecciate, spiega questioni religiose, militari e filosofiche. L’autore offre al lettore una prospettiva grandangolare sul passato dell’umanità, dalla preistoria ai nostri tempi e suggerisce riflessioni, parallelismi tra culture lontanissime e aneddoti significativi.

Di Napoleone Bonaparte scrive

La famiglia era povera e il padre riusciva a mantenerlo a fatica, e Napoleone era una bambino serio e malinconico, che non amava giocare con i suoi compagni.«A scuola mi ero trovato un angolino» raccontò poi,«dove andavo a sedermi per sognare quanto mi pareva. Quando i miei compagni volevano portarmi via da quell’angolino, io lo difendevo con tutte le mie forze. Capii allora che era la mia forza di volontà che mi avrebbe portato alla vittoria e che ciò che desideravo mi sarebbe anche riuscito».

Breve storia del mondo potrebbe essere assegnata come lettura delle vacanze, a pezzettini, dalla terza elementare alla terza media. La lettura è piacevolissima e l’impostazione data da Gombrich a questo piccolo gioiello è esattamente ciò che serve per comunicare cosa siano i famosi collegamenti interdisciplinari e interculturali che sono così importanti per sviluppare una conoscenza globale.

Leggi altre recensioni di bellissimi libri!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.