I segreti del bosco proibito

I segreti del bosco proibito, romanzo di formazione di Colin Meloy e Carson Ellis

Chi non ama fantasia e mistero o non ha la benché minima intenzione di farsi meravigliare, non può leggere I segreti del bosco proibito di Colin Meloy e Carson Ellis. Il resto del mondo invece troverà in questo romanzo innumerevoli fonti di puro piacere. Come accade per tutti i migliori libri destinati ai giovanissimi, non è esclusivamente un libro per ragazze e ragazzi ma è anche un libro per adulti desiderosi di scoperte.

Chi ha amato Puck il folletto, di Rudyard Kipling, vi ritroverà un simile, profondo senso della natura unito al sentimento di poter accedere a dimensioni altre. L’età dell’oro è passata ma, come in ogni epopea che si rispetti, non tutto è perduto. L’azione prende il via da un ordine familiare infranto e si sviluppa attraverso regni e boschi selvaggi, tra uno e l’altro mondo, alla ricerca della verità, contro un potere cannibale e spietato.

Ci si addentra in I segreti del bosco proibito come in una fitta foresta, oscura, resa impervia da enormi radici e priva di sentieri battuti. Gli alberi e gli animali non sono il contorno ma il cuore di questa avventura che vede Prue affrontare civiltà ignote e forze sovrannaturali per salvare il fratellino. Non di sola natura vive infatti l’universo proibito che ha una sua storia ricca di conflitti e di dinastie un tempo in armonia tra di loro.

Eserciti, briganti, governatori, divise e regole di ingaggio giocano un ruolo non marginale in questa fiaba di ricerca che trae origine da un debito e da una menzogna. Il fratello di Prue è stato rapito dalla Governatrice fattucchiera che riveste la stessa funzione di Praseidimio nella celebre fiaba ma che non sarà possibile neutralizzare semplicemente indovinandone in nome. I segreti del bosco proibito sono segreti magici ma soprattutto familiari. Il dramma nasce da bugie e da rimozione della realtà.

Come in tutte le più belle storie, anche qui c’è più di quel che sembra! Le illustrazioni di Carson Ellis, nette e quasi naturalistiche, si integrano alla perfezione con il testo moltiplicando il fascino della natura e dando corpo alla geografia della landa desolata.

Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.