PsicoMamme.it

0

Il miglior profumo per uomo è fatto in casa

Elena Bottari dicembre 4, 2014

Creare il miglior profumo uomo (o il miglior “profumo donna”) è un’arte ma non è detto che, anche tra i comuni cittadini normalmente dediti a tutt’altro, non si nasconda un o una Grenouille, il protagonista del romanzo di Patrick Süskind intitolato appunto Profumo. Dodici note e una di chiusura, straniera ma capace di legare tutte le altre sono la ricetta del monomaniaco sociopatico che ha reso celebre il mestiere di “naso”.  Cos’è un naso? E’ un ideatore di profumi!

Sociopatia a parte, i profumi ci colpiscono e resistono sulla nostra pelle, nel nostro naso ma soprattutto nel nostro cervello.

Ogni profumo è fatto di tre diversi gruppi di elementi:

  • note di testa, più aggressive e volatili
  • note di cuore, costituiscono il nucleo del profumo  e svaniscono in due ore dall’applicazione
  • note di coda, sono la scia del profumo

Per miscelare un profumo, però, si parte dalla coda 🙂

Come si fa un profumo fai da te?

Sperimentando! Conoscendo i gusti della persona a cui regalare il profumo, è possibile studiare le note più adatte.
Flowertales è un blog molto utile, dove si possono trovare molte ricette e istruzioni su quali essenze appartengano ai tre gruppi di cui abbiamo parlato. Per fare i profumi si possono usare gli oli essenziali e l’alcool etilico o, se si amano piante, cortecce, spezie, fiori, bacche si può tentare la via della completa autoproduzione.

Mettendo le essenze nell’alcool per due o tre settimane si ottengono profumazioni, eventualmente diluibili in acqua distillata, che si possono mischiare a piacere, fino a trovare il giusto mix. Più scientifico è il vostro approccio, maggiori sono le chance di ottenere un buon risultato 🙂

Ecco, ad esempio, come appare una miscela di alcool e timo. esperimento bellissimo perché davvero multisensoriale.

Alcool e timo per profumo

Quindi, bando ai tentennamenti, bisogna cimentarsi!
Ecco il cimento a cui daremo il nome di Captain JackProfumo Captain Jackvezzosamente travasato in una bottiglietta da farmacia di qualche decennio or sono.

Profumo “per lui” Captain Jack (dedicato al nostro consulente cosmologo disperso nella Via Lattea)

  • Note di testa: 25% bergamotto, arancio 5%
  • Note di cuore: fiori di arancio e cannella 15%
  • Note di coda: timo 20%, pepe 10%, anice stellato 25%

Ho lasciato le essenze in immersione in vasetti da confettura sigillati (senza tappo evapora tutto) e poi ho miscelato tutto secondo le proporzioni indicate. L’anice stellato, vista la forma e visto il nome che porta, è la nota di coda più caratteristica per Captain Jack.

E’ consigliabile provare i profumi su carta porosa o, molto meglio, sulla pelle!!

Anice stellato in pezzi

Scopri altre ricette fai da te profumate:

The following two tabs change content below.

Elena Bottari

Fondatrice di Psicomamme.it e giornalista pubblicista, mi interesso di psicologia e temi sociali. La creatività e le storie sono la mia passione. Mi piace scrivere di progetti interessanti che spaziano dall'editoria al teatro. Dopo la laurea in lingue e un master in comunicazione e tecnologie multimediali del Corep, ho lavorato dieci anni in un ufficio stampa. Ho due figli, troppi computer e una dolce metà alacremente impegnata a curare i siti della concorrenza.

Archiviato in:

Lascia un Commento

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!