La mia vita zucchina

La mia vita da zucchina, stop motion di Claude Barras

La mia vita da zucchina è un film rivoluzionario perché affronta molti tabù e proprio affrontandoli acquista in poesia e verità. I bambini protagonisti di questo meraviglioso stop motion di Claude Barras sono veri come Pinocchio e Lucignolo e anche agli adulti non vengono fatti sconti. Tutti sono alle prese con la propria solitudine, tutti hanno motivi di sofferenza che un comportamento da bulli non può cancellare.

Zucchina e i suoi amici sono abbandonati anche se qualcuno vuole averli in affido per arrotondare lo stipendio o invia regali di tanto in tanto, senza presentarsi mai di persona. La grandezza di questa storia sta nel non negare la negatività del mondo e i comportamenti distruttivi ma nel costruire un’occasione di bellezza e di divertimento in cui l’amicizia e l’amore danno nuova luce ad ogni cosa. Questo film ci ricorda che la felicità è possibile, che la felicità degli altri è la nostra felicità e che nessuno è condannato alla solitudine. I bulli non sono solo bulli, gli orfani hanno voglia di giocare e di essere felici, magari di innamorarsi e di sapere come funzioni questo strano mondo.

La mia vita da zucchina parla di legami che esisteranno per sempre e di cambiamenti spaventosi da affrontare insieme. L’amicizia e l’affetto possono trasformare le persone, gli  spazi vuoti  non devono rimanere tali in eterno. Molte porte si aprono, stanze vuote si popolano e c’è sempre un buon motivo per far volare un aquilone.

Proprio perché è a suo modo un film duro e dolcissimo, La mia vita da zucchina è da vedere con i bambini che saranno stupiti dall’estetica originalissima di questo film colorato dalle forme strambe e dai molti silenzi, permeato dal senso che le cicatrici possano sempre rimarginarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.