PsicoMamme.it

0

La pazza pazza corsa di Jo Nesbo

Elena Bottari novembre 21, 2017

Lo scoppiettante trio Prottor-Bulle-Tina si imbarca in una nuova avventura per un mondo giusto, in cui anche chi è povero possa festeggiare il Natale. La pazza pazza corsa è un libro per tutti i grinch che amano il Natale e odiano tutto il male che il consumismo gli ha fatto. Dopo aver salvato il mondo e aver viaggiato nel tempo salvando accidentalmente Giovanna d’Arco dal suo triste destino, dopo aver sconfitto bande di ladri dedite al riciclaggio di denaro sporco pronte a grattugiare i nemici come parmigiano sulla pasta, i nostri eroi provano a salvare niente meno che il Natale. Leggendo La pazza pazza corsa imparerete quanto possano essere pericolosi gli orologi a cucù e visiterete il bar della Lapide solitaria. Il cast è di tutto rispetto, come in tutti i libri della saga del Dottor Prottor ma, anche questa volta, non sono i vip ma due bambini e un professore pazzo a fare la differenza. Tutto si gioca in una folle notte di colpi di scena e generosità “no logo”.

La pazza pazza corsa mette in scena gli spettri del Natale, la paura di non avere o di non essere abbastanza, la solitudine, il rimpianto e il coraggio di affrontare questo fatidico giorno che traghetta l’umanità verso un nuovo inizio, verso nuove possibilità e nuovi budini alla crème caramel. Il re di Danimarca ha venduto qualcosa che nemmeno gli apparteneva al malvagio Signor Tronz, padre degli insulsi e viziati Trul e Trim. Il capitale avrà la meglio sul Natale? Lo scoprirete solo leggendo ma se Marx fosse vivo, amerebbe Jo Nesbo.

Leggi altri articoli su nuove letture:

The following two tabs change content below.

Elena Bottari

Fondatrice di Psicomamme.it e giornalista pubblicista, mi interesso di psicologia e temi sociali. La creatività e le storie sono la mia passione. Mi piace scrivere di progetti interessanti che spaziano dall'editoria al teatro. Dopo la laurea in lingue e un master in comunicazione e tecnologie multimediali del Corep, ho lavorato dieci anni in un ufficio stampa. Ho due figli, troppi computer e una dolce metà alacremente impegnata a curare i siti della concorrenza.

Lascia un Commento

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!