le 13 vite e mezzo capitano orso blu

Le 13 vite e mezzo di capitano Orso Blu

Le 13 vite e mezzo di Capitano Orso blu è un libro di antropologia fantastica ma è anche, nella migliore tradizione della letteratura tedesca, un romanzo di formazione e un resoconto di viaggio con corposi inserti enciclopedici pieni del miglior senso dell’umorismo. Walter Moers ha creato un mondo in cui gli umani sono solo comparse e civiltà molto più interessanti prosperano da millenni secondo usanze proprie. L’autore gioca con gli stili e i registri linguistici, avvince il lettore con l’alternanza di momenti descrittivi e di pura azione. L’orizzonte del lettore si allarga man mano che il protagonista cresce e impara a decodificare lo strano mondo in cui si è ritrovato a vivere. Orso Blu è un apolide innamorato della scoperta, è unico e il suo destino è il viaggio.

Pubblicato nel 1999, questo articolato e corposo librone si legge con grande piacere anche per le belle illustrazioni di Moers che da sempre scrive e disegna fumetti. Le armi vincenti di Orso Blu sono la capacità di imparare dagli errori e l’apertura agli altri. Senza una virgola di supponenza, il nostro eroe attraversa le nuove vite che gli si offrono assieme agli altri, che siano amici con il debole per le donne irsute, salvatori in extremis con qualche diottria in meno o saggi pluricentenari appassionati di tè.

Queste preziose memorie coprono vastità che forse nemmeno il Dizionario enciclopedico del professor Dottor Abdul Nactambulotti può uguagliare. Per attraversarle tutte e tredici e mezzo basta iniziare a leggere, qualunque sia il numero di cervelli di cui si dispone (il professor Noctambulotti ne ha sette). Ci sono altre tredici vite e mezza che non conosceremo mai ma un orso blu ha diritto alla propria privacy.

Leggi altri consigli di lettura:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.