PsicoMamme.it

0

Mettere in ordine: giochi in casa per insegnare ai figli le pulizie domestiche

Elena Bottari aprile 28, 2013

Mettere in ordine è un punto dolente, non c’è niente da fare. I grandi lo fanno talvolta di malavoglia e i bambini, per istinto, se ne vorrebbero tenere il più lontano possibile.

E’ però importante coinvolgerli nel riordino dei giochi e in altre semplici mansioni che, acquisite in tenera età, diventano parte dell’educazione, come lavarsi i denti e non saltare sui tavoli.
Per tutte queste azioni, apparentemente semplici e scontate per chi non abbia figli o figli scatenati, ci vuole grande impegno e pazienza da parte dei genitori. Tocca ripetersi, ricordare, sgolarsi e, alla mal parata, minacciare.
L’arma del ricatto è l’ultima spiaggia  del genitore alle corde.

Bisognerebbe non arrivarci, farsi venire idee migliori, più divertenti per i bambini.
E’ pur vero che ci sono cose che bisogna fare e basta, piaccia o no, come verstirsi, lavarsi, allacciarsi le scarpe.

I genitori, come estremo sforzo di comprensione pur nella difficilissima impresa di coinvolgere i figli nelle incombenze domestiche, dovrebbero ricordare alcuni strattagemmi

  • i bambini imitano l’esempio o almeno tendono a farlo. Se non metti a posto volentieri o se “fai i capricci”, loro faranno lo stesso
  • i bambini, soprattutto quelli piccoli, non mettono a posto da soli. Conviene farlo assieme e spiegare loro come si fa
  • bisogna avere tantissima pazienza e pensare a quanto ci abbiamo messo noi, ad imparare a fare cose che oggi ci sembrano facili
  • premiare la buona volontà è un’ottima strategia per far sì che riordinino più volentieri
  • se si mette un po’ di pepe nell’attività di mettere in ordine, si può sperare in qualche risultato migliore

Premetto che a me, di tutti gli espedienti che seguono, ne riescono solo alcuni e non sempre.  Vale però forse la pena condividere gli spunti che mi sono venuti in mente e aggiungere che, per miseriosi motivi, l’attività preferita su tutte è sgranare i piselli, che non è propriamente di riordino ma almeno rientra nei lavori di bassa cucina per il bene della collettività 🙂

Ecco alcuni giochi salva ordine:

Caccia al tesoro

Mettiamo degli indizi sparsi per la casa, magari nascosti nei cumuli dei giochi. Possono essere disegni che conducono ad una risposta o piccoli indovinelli. Alla fine del riordino il gioco si conclude con la soluzione dell’enigma, che va festeggiata con una degna merenda.

Ponte di una nave

Con foulard, stivali, gioielli ci si agghinda da pirati e si pulisce il ponte della nave cantando canzoni marinaresche come “Quindici uomini”.

Percorso a ostacoli

Studia un percorso ad ostacoli che, assieme alle prove di agilità, comprenda spolverate e riordino. Chi vince ottiene uno straccio personale con le iniziali di carta crepla incollate sopra.

Battaglia fino all’ultimo calzino

Ogni giocatore deve trovare i compagni dei calzini in mezzo ad un mucchio di esemplari dispersi. Chi vince ottiene un paio di calzini nuovi appaiabili tramite asola e bottoncino 🙂

Se ti interessa trovare spunti ludici, leggi il nostro articolo sui giochi da fare in casa e approfondisci il tema dei giochi didattici con:

La foto è di The Library of Congress via Flikr

Articolo di Elena Bottari

The following two tabs change content below.

Elena Bottari

Fondatrice di Psicomamme.it e giornalista pubblicista, mi interesso di psicologia e temi sociali. La creatività e le storie sono la mia passione. Mi piace scrivere di progetti interessanti che spaziano dall'editoria al teatro. Dopo la laurea in lingue e un master in comunicazione e tecnologie multimediali del Corep, ho lavorato dieci anni in un ufficio stampa. Ho due figli, troppi computer e una dolce metà alacremente impegnata a curare i siti della concorrenza.

Elena Bottari

Ultimi post di Elena Bottari (vedi tutti)

Lascia un Commento

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!