PsicoMamme.it

0

Operatori matematici spiegati ai bambini

Elena Bottari febbraio 2, 2015

Gli operatori matematici che si affrontano alle elementari non sempre vengono spiegati sotto forma di concetti astratti, applicabili ad altri contesti.

Per alcuni bambini per cui la matematica è qualcosa che sta solo sui libri, un gioco perverso in cui tanto vale tirare ad indovinare, risulta utilissimo fare un’introduzione discorsiva e generica su cosa siano le idee implicite nei segni +, , *, :

  • +  (addizione) è legato ai concetti di: aggiunta, somma, unione per cui verrà usato per contare un totale, in un processo di aggregazione
  • (sottrazione) è legato alle idee di: perdita, esclusione, selezione ed eliminazione di oggetti o quantità da un numero dato
  • * (moltiplicazione) è legato ad un processo simile a quello citato dalla Bibbia, quello della moltiplicazione dei pani e dei pesci. Da un dato numero si possono ottenere numeri molto più grandi. La moltiplicazione è come un’addizione ripetuta tante volte quanto è il numero moltiplicatore.

3*4=12 significa 3+3+3+3 ovvero sommo 3 per se stesso tante volte quante sono indicate dal secondo numero della moltiplicazione (moltiplicatore)

Questo processo però è vero in un senso e nell’altro (da sinistra verso destra e da destra verso sinistra) perché 4*3=12 ovvero 4+4+4. Invertendo moltiplicando e moltiplicatore il risultato non cambia.

  • : (divisione) è il contrario della moltiplicazione e indica quante volte un numero o una quantità è contenuta in un dato numero o in una data quantità. 24:8=3 significa che il numero 8 è contenuto 3 volte nel numero 24 così come, volendo leggerla da destra a sinistra, il numero 3 è contenuto 8 volte nel numero 24. Alcuni concetti di uso quotidiano impliciti nella divisione sono quelli di
  • Metà
  • Quarto
  • Ottavo
  • Frazione
  • Bimestre
  • Semestre
  • Quadrimestre

La metà di una torta, un quarto d’ora, gli ottavi di finale ma anche l’idea del tempo ( in musica 4/4, 2/4…) sono espressi da frazioni o divisioni.

Il tempo lo possiamo dividere come vogliamo. Se prendiamo il 6 come numero base (come unità di misura), diciamo che un anno è fatto da due semestri. Se usiamo come base il 3 diciamo che è un anno è composta da 4 trimestri. Se usiamo invece il 4 diciamo che in un anno ci sono tre quadrimestri.

Noi usiamo una numerazione decimale ma ci sono popoli che hanno scelto altre numerazioni. I Maya avevano una numerazione vigesimale (a base 20).

La frazione è un termine spesso usato nelle gare sportive. Indica una parte, un frammento in cui un numero o una quantità è ripetutamente suddiviso. Si intende infatti che quel numero sia diviso in tanti frammenti uguali.

L’esempio più semplice è quello delle fette di torta. Quanti frammenti, fette, spicchi vuoi di una torta divisa in 8 parti? Se vuoi 2 fette ti aggiudicherai i due ottavi della torta (2/8).
Più avanti scoprirai che i due ottavi corrispondono ad un quarto della torta, che insomma la torta che ti mangi è grossa uguale (2/8 =1/4)
torta-8-fette-frazione Esempio di frazione, torta divisa in 4
Se cerchi altri spunti di ripasso:

The following two tabs change content below.

Elena Bottari

Fondatrice di Psicomamme.it e giornalista pubblicista, mi interesso di psicologia e temi sociali. La creatività e le storie sono la mia passione. Mi piace scrivere di progetti interessanti che spaziano dall'editoria al teatro. Dopo la laurea in lingue e un master in comunicazione e tecnologie multimediali del Corep, ho lavorato dieci anni in un ufficio stampa. Ho due figli, troppi computer e una dolce metà alacremente impegnata a curare i siti della concorrenza.

Elena Bottari

Ultimi post di Elena Bottari (vedi tutti)

Archiviato in:

Lascia un Commento

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!