Poesie di ghiaccio di Vivian Lamarque

Poesie di ghiaccio di Vivian Lamarque

Candida neve, ghiaccio crudele, paesaggi lunari, abbandono e rinascita in un libro di poesie di Vivian Lamarque intitolato Poesie di ghiaccio in cui il freddo è un fidanzato bianco e la luna è assiderata. La neve è la mamma che copre e riscalda mentre il bianco si posa sulle persone.

La neve ci ninna come un sonno

Elegantissime le illustrazioni di Alessandro Sanna, acquarelli ricercati, in perfetto accordo con i testi. Sanna usa i cristalli di sale, l’acqua, per squagliare il colore e ottenere un effetto da sfera di Natale. Le tavole di Sanna non mostrano solo colori freddi. C’è il fuoco del camino, c’è il pettirosso, c’è il sangue, c’è il cuore rosso del dottore e c’è il verde dell’erba quando sta per tornare la primavera.

Copertina poesie di ghiaccio

I cristalli di sale creano sulla pagina illustrata veri e propri cristalli di neve, in un abbraccio minerale che è anche quello dell’inverno

Vivian Lamarque sa dare tanti significati alle parole e ogni sua poesia evoca immagini e questioni non di poco conto

Fa finta il mondo

di essere buono

fa finta il mondo

di essere bianco

guardate anche il cuore

si è imbiancato

quasi non batte

si è addormentato

La morte è un vento che ulula forte e chiude per sempre tutte le porte. Ma per fortuna c’è un cuore che ha curato il cuore malato e l’inverno, alla fine, è passato.

Parole di ghiaccio è la storia poetica di una guarigione ma anche una riflessione sull’incanto dell’inverno che, come dice Vivian Lamarque, non è che un'”estate pietrificata”.

E’ un libro adatto a bambini grandicelli, dagli 8 anni in su ed è consigliabile anche a lettori adulti!
Come tutti i libri di poesie non va svelato più di tanto ma vale davvero la pena cimentarsi in questa lettura.

Se ami lo poesie per ragazzi, leggi anche

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.