PsicoMamme.it

0

Rime raminghe di Bruno Tognolini

Elena Bottari ottobre 17, 2014

Ecco le poesie “per…” di Bruno Tognolini, finalmente raccolte nero su bianco e confezionate in coloratissima copertina illustrata da Giulia Orecchia. Un bell’ albero blu accoglie i lettori in questo spazio pieno di inquilini.
Tante le radici, tanti i rami di queste “poesie scritte per qualcosa o per qualcuno che poi girano il mondo per tutti”. Questo libretto in technicolor l’ho trovato accanto agli Struzzi e ai grandi classici, nel reparto dei grandi. E’ giusto che i poeti stiano tutti insieme, a tenersi compagnia e a dialogare in silenzio. Lanceranno liane, radichette, semi? Le poesie raminghe tenevano compagnia a Eluard e non ho osato separarli. Li ho comprati entrambi 🙂

La poesia non è di chi la scrive, ma di chi ne ha bisogno, recita la citazione di Neruda che precede la prefazione dell’autore e nessuna frase meglio di questa avrebbe potuto descrivere le vibrazioni di queste poesie d’occasione che diventano di tutti, anche degli oggetti.

Rime per una parete del reparto di ostetricia dell’ospedale di Carpi, per un ballottaggio, per l’Aquila, per compleanni, biblioteche, festival, per l’inaugurazione di scuole, per un ballottaggio, per una “bibliotecarina”, per la giornata dei diritti dei bambini… insomma una poesia che accompagna la vita, le battaglie, i luoghi che amiamo. Bruno Tognolini prende posizione, non è un poeta dell’effimero, non sublima.
Le sue rime hanno i piedi, e le radici, ben piantati in terra e la loro chioma è piena di voci, di uccelli, di amici.

E’ un grande erede di Gianni Rodari. Tognolini dice ai bambini che fanno parte di un mondo che può diventare migliore grazie a loro, grazie all’impegno di tutti. E’ un poeta “politico” nel senso più alto e le sue parole arrivano dritto al punto, non prima però di averti portato tra le nuvole o tra i capelli di una bella bibliotecaria che, scuotendo la testa, libera la polvere di cento racconti.

 

The following two tabs change content below.

Elena Bottari

Fondatrice di Psicomamme.it e giornalista pubblicista, mi interesso di psicologia e temi sociali. La creatività e le storie sono la mia passione. Mi piace scrivere di progetti interessanti che spaziano dall'editoria al teatro. Dopo la laurea in lingue e un master in comunicazione e tecnologie multimediali del Corep, ho lavorato dieci anni in un ufficio stampa. Ho due figli, troppi computer e una dolce metà alacremente impegnata a curare i siti della concorrenza.

Lascia un Commento

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!